Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Arte+ 2020  >  I progetti sostenuti  >  Crocifisso del Sandrun
 

Contributo Fondazione: € 5.000

Ente: Parrocchia di Nostra Signora di Oropa del Villaggio Lamarmora, Biella

Bene: Cristo Crocefisso di Francesco Barbera detto Sandrun

Progetto: Intervento di restauro

Tipologia: Bene artistico

Descrizione del progetto

Realizzato nel 1947 dall'allora ventenne Francesco Barbera detto Sandrun (Sordevolo, 1927 - Biella, 1970), il Cristo Crocefisso è oggi conservato presso la chiesa parrocchiale di Nostra Signora di Oropa al Villaggio Lamarmora di Biella. La chiesa, consacrata nel 1960, si trova al centro del quartiere, posta in una piccola piazza che dà su via Dorzano.  
L'artista è riuscito a rappresentare Cristo nello spasimo della croce e a mostrare nel contempo il suo meraviglioso sorriso, preludio alla Resurrezione. Si può così ammirare dal vivo la capacità di plasmatore di Sandrun.
L'opera è molto fragile e necessita di urgenti interventi per poterla tramandare alle future generazioni.
Al termine del restauro si prevede di presentare l'intervento organizzando una serata con la restauratrice. Per restituire alla gente la visione dell'opera, inoltre, saranno organizzate delle visite guidate e una visita teatralizzata dove Sandrum stesso racconterà il suo capolavoro. Infine saranno realizzati pannelli da esporre in chiesa con le fotografie dell'opera prima e dopo il restauro.

 
 

Dichiarazione referente

Dichiara Marcello Renzi, volontario parrocchiale:
""Ho ritrovato il Padre come un cieco, con le mie dita, modellando il Figlio". In queste parole di Sandrun credo sia racchiuso il segreto della bellezza di quest'opera che noi della parrocchia del Villaggio amiamo tanto. La amiamo perché ci abbraccia entrando nella cappellina dove sono celebrate le messe in settimana e quelle pomeridiane della domenica. La amiamo per quel sorriso doloroso dove l'artista ha saputo sintetizzare l'agonia della tortura e il preludio alla Resurrezione. Nella visione di quel modellare, che il gesso restituisce come gesto ancora vivo, anche noi proviamo a ritrovare il Padre".

 

Informazioni e contatti