Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Comunità fragile  >  I progetti sostenuti  >  Cooperativa Animazione Valdocco
 

Cooperativa Animazione Valdocco 

Progetto "Arcipelago digitale"

 

Dati tecnici e informazioni

COSTO COMPLESSIVO € 10.548,50
CONTRIBUTO € 5.000

 

Cooperativa Animazione Valdocco - storia e attività

La Cooperativa Animazione Valdocco è una impresa sociale, una cooperativa sociale di produzione lavoro, non ha fini di lucro.
È rivolta alla promozione, progettazione e gestione di servizi sociosanitari, educativi, animativi e culturali, finalizzati a prevenire e contenere i rischi e gli effetti dell'esclusione e del disagio sociale e opera in integrazione con altre cooperative, organizzazioni del volontariato, realtà dell'associazionismo, istituzioni pubbliche.  
Opera in Piemonte, Val d'Aosta, Ligura e Lombardia, gestendo dal 1980 servizi socio-sanitari ed educativi finalizzati al reinserimento sociale di minori, anziani, portatori di handicap, tossicodipendenti, adulti in difficoltà o alla creazione di opportunità perché questo avvenga e/o si riduca il rischio o il danno dell'esclusione sociale e lavorativa.

 
 

Arcipelago digitale - il progetto

Il progetto ARCIPELAGO DIGITALE prevede l'acquisto di Tablet destinati a minori sprovvisti di adeguata attrezzatura per accedere al web e l'erogazione di un supporto tecnico ed educativo per l'acquisizione delle competenze di base per la navigazione web, per l'utilizzo degli strumenti e delle applicazioni per le lezioni scolastiche a distanza, per utilizzare le videochiamate, per utilizzare correttamente i Social, per fruire dei tutorial e dei laboratori d'interesse del minore, conformemente ai suoi bisogni, all'età e ai percorsi educativi in cui i minori sono inseriti allo scopo di renderepossibile: l'adeguata fruizione delle lezioni scolastiche a distanza; il regolare contatto in videochiamata con il genitore non convivente (soprattutto nei casi in cui siano previsti diritti di visita o incontri mediati e protetti, che attualmente sono sospesi per l'emergenza covid-19); la fruizione di strumenti per la socializzazione a distanza (Skype,Social, etc...); l'accesso a tutorial, laboratori virtuali, corsi e lezioni sportive a distanza, etc...

I minori destinatari del progetto provengono da situazioni con problematiche sociali e relazionali complesse e famiglie che non sono in grado di dotarli dei mezzi necessari alla fruizione del web. Spesso è presente, già nella situazione ordinaria, un alto rischio di isolamento che aumenta con la chiusura delle scuole e con la sospensione delle attività socializzanti sul territorio, insieme al rischio di arretramento scolastico, in assenza di strumenti adeguati a fruire delle lezioni a distanza. Si stima che un terzo dei casi segnalati non abbia accesso ad alcun tipo di connessione. I restanti possono accedere solo con uno smartphone, anche quando devono seguire 4-6 ore di lezione a distanza al giorno e svolgere i compiti assegnati. Tra le situazioni segnalate, alcune presentano il rischio di interruzione dei contatti con il genitore non convivente, laddove, ad esempio, gli incontri siano programmati con la presenza di un operatore in spazio neutro o per diritto di visita (tutti interventi ad oggi sospesi e riprogrammabili attraverso lo strumento della videochiamata).  

La fornitura delle attrezzature e delle competenze tecniche ed educative necessarie ad accedere al web offre ai minori segnalati e alle loro famiglie la possibilità di superare il rischio di isolamento, di esclusione sociale, di arretramento scolastico e di interruzione dei rapporti parentali e amicali significativi per la vita affettiva e sociale del minore, nella situazione straordinaria di confinamento domestico, sospensione e rimodulazione delle normali attività didattiche e di socializzazione determinate dall'emergenza covid-19.
Il progetto si propone di dotare i minori e le loro famiglie di strumenti e competenze indispensabili durante la crisi, ma utili anche successivamente per ampliare le possibilità di partecipazione sociale, accesso a informazioni, servizi, tutorial, corsi e iniziative di vario genere on line, compatibilmente con gli interessi dei minori e con i progetti di sostegno e accompagnamento socio-educativo previsti dai Servizi Sociali.
A compimento del progetto i minori beneficiari saranno dotati di attrezzature personali di loro proprietà utili a connettersi al web, nonché di competenze tecniche ed educative utili a fruire efficacemente ed adeguatamente delle opportunità formative, informative, di socializzazione, ludiche e ricreative disponibili in rete. Il format del progetto è inoltre replicabile.

 

Dichiarazione referente

Dichiara il Presidente, Paolo Petrucci:
"Con l'inizio dell'emergenza Covid-19 e della conseguente necessità di distanziamento fisico che ha comportato la chiusura delle scuole, dei centri educativi ed aggregativi, nonché la sospensione di tutte le occasioni di socializzazione in presenza fisica, i minori e le loro famiglie devono affrontare una condizione molto critica.
E' scontato evidenziare come le attività scolastiche e la dimensione della socialità siano per i minori di ogni età fondamentali. Ne va del loro sviluppo intellettivo ed emotivo, dell'acquisizione di adeguate competenze relazionali e più in generale del loro benessere psico-fisico. La Scuola e i vari Servizi Educativi si sono infatti organizzati ed attrezzati per offrire ai minori e alle loro famiglie ogni possibile continuità didattica, educativa ed animativa, mentre i ragazzi, che nella maggior parte dei casi sono già molto attivi e competenti nell'utilizzo della rete, hanno continuato a mantenersi connessi ai luoghi virtuali in cui sviluppano una parte ormai ineludibile della loro vita sociale.
La nostra attenzione, coerentemente alla mission della Cooperativa, si dirige ai più fragili e ai più poveri, a quei minori e a quelle famiglie che intercettiamo nei nostri Servizi e che, già in condizioni di difficoltà, oggi corrono rischi ancora maggiori. L'assenza di adeguati mezzi economici e tecnologici, insieme alla mancanza delle competenze richieste per muoversi efficacemente e correttamente nel WEB, aumenta esponenzialmente il rischio di esclusione, arretramento scolastico ed isolamento sociale.
Il Progetto Arcipelago Digitale nasce con l'idea di fornire a questi minori la strumentazione tecnologica e il supporto tecnico ed educativo necessari a superare questo rischio, dando continuità anche a tutto il supporto relazionale di cui le famiglie necessitano e che può ancora arrivare loro attraverso le videochiamate e le attività in cui è possibile coinvolgerli anche a distanza. Esprimiamo la nostra gratitudine alla Fondazione CRB e a Banca Simetica, che con il Bando "Comunità Fragile" hanno messo a disposizione un finanziamento di 5000 € che consentirà di portare avanti il progetto a beneficio di 16 minori nella provincia di Biella."