attività erogativa

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Coprogettazione territoriale partecipata  >  Coprogettazione territoriale partecipata a sostegno di soggetti con decadimento cognitivo

Coprogettazione territoriale partecipata a sostegno di soggetti con decadimento cognitivo

 

Facendo riferimento alla previsione del Documento Programmatico Previsionale 2022 di avviare processi di coprogettazione partecipata volti allo sviluppo territoriale nelle sue aree di intervento, la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ha avviato un Tavolo operativo agile per il dialogo e il confronto tra gli Enti Pubblici e le organizzazioni del terzo settore, finalizzato alla realizzazione di un intervento in coprogettazione con l'obiettivo di aiutare e sostenere gli anziani con decadimento cognitivo e i soggetti con Alzheimer.

Sulla base delle manifestazioni di interesse pervenute il Tavolo coinvolge:
- AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla (sezione di Biella)
- Anteo impresa cooperativa sociale
- Gruppo Volontariato Vincenziano "San Giuseppe" ODV
- Maria Cecilia S.C.S. Onlus
- Anzitutto Associazione di Volontariato per gli Anziani
- Fondazione Infermeria San Carlo
- Opera Assistenza SS. Immacolata O.A.S.I. Onlus
- APB Amici Parkinsoniani Biellesi ODV
- A ruota libera società cooperativa sociale
- AIMA territoriale Provincia di Biella ODV
- Fondazione Montessori Italia
- Fondazione A.E. Cerino Zegna Impresa Sociale
- Cooperativa di solidarietà sociale La Famiglia

Il Tavolo ha come obiettivo quello di costruire, mediante un approccio di coprogettazione, un progetto operativo funzionale con queste finalità generali:
- rispondere in modo integrato ai bisogni dei soggetti anziani con particolare attenzione ai soggetti con decadimento cognitivo tramite interventi a domicilio su tutto il territorio di competenza della Fondazione, anche in considerazione delle specificità territoriali;
- promuovere un progetto che possa rallentare il processo di decadimento cognitivo e diminuire il carico assistenziale ed emotivo dei familiari nelle fasi iniziali e moderate della malattia;
- promuovere lo scambio di conoscenze e buone prassi già avviate e sperimentate nell'ambito degli interventi considerati;
- costituire una rete di soggetti che, al di là della contingenza, possano rappresentare un punto di riferimento nell'assistenza domiciliare, per i servizi sanitari, per i servizi territoriali pubblici e privati;
- sperimentare nuovi modelli di servizio di gestione e co-operazione per rispondere ai bisogni dei soggetti anziani con decadimento cognitivo nell'ottica di sostenere il soggetto malato e la famiglia.

Il percorso di coprogettazione si strutturerà in una prima fase volta all'individuazione dell'idea progettuale in cui si prevede la partecipazione degli enti interessarti a tre workshop, che si svolgeranno martedì 10 maggio, martedì 24 maggio e martedì 7 giugno presso la Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella (Biella, Via Gramsci 14/A) per permettere di avere una prima definizione dell'idea progettuale da sottoporre al Consiglio della Fondazione prima della fase esecutiva del progetto.

Tutte le attività verranno attuate dagli uffici della Fondazione in collaborazione con la Fondazione Emanuela Zancan Onlus



Per leggere l'articolo di approfondimento La sfida demografica nel biellese tra calo della natalità e invecchiamento della popolazione a cura di OsservaBiella cliccare qui.