Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Arte+ 2020  >  I progetti sostenuti  >  Chiesa di San Pietro di Castellengo
 

Contributo Fondazione: € 27.000

Ente: Parrocchia di San Pietro, Castellengo (Cossato)

Bene: Affreschi della chiesa parrocchiale

Progetto: Intervento di restauro

Tipologia: Bene architettonico

Descrizione del progetto

La chiesa parrocchiale di San Pietro di Castellengo ha origini medievali; è citata per la prima volta in una bolla del 1115 in cui l'imperatore Federico I ne donava il patronato, con altri beni e castelli della zona, a Giovanni di Biandrate. Sottoposto a molte fasi costruttive e rimaneggiamenti tra il XV e il XIX secolo, l'edificio ne conserva ben evidenti i segni: all'esterno le tessiture murarie romaniche, le tracce degli archetti pensili gotici, le vestigia di ampliamenti non finiti, la planimetria articolata e soprattutto, all'interno, le pareti e le volte in tutto o in parte affrescati. Le scene rappresentate sulle pareti e sulle volte della navata laterale destra della chiesa risalgono probabilmente agli anni intorno al 1515, come testimonia un'iscrizione sulla parete di fondo, e sarebbero da attribuire ai figli di Daniele de' Bosis e più ragionevolmente ad Arcangelo, che nel 1520 risulta dimorante a Biella.
L'iniziativa si propone l'obiettivo principale di riuscire a completare i lavori di restauro dei pregevoli affreschi del XVI secolo, che, riportati in luce a seguito di un primo descialbo eseguito nel 2002, versano oggi in condizioni di estremo degrado e necessitano di importanti e mirate opere di consolidamento e restauro, in modo da consentirne la piena fruibilità.
Il progetto è inserito in una più ampia iniziativa di valorizzazione della chiesa, anche nell'ambito culturale e turistico del territorio cossatese e biellese, in quello religioso della realtà parrocchiale e diocesana e nel contesto storico-artistico della pittura rinascimentale e tardo rinascimentale del Piemonte. 

 
 

Dichiarazione referente

Dichiara Don Alberto Boschetto, parroco:
"Con l'obiettivo di riuscire a completare il consolidamento e restauro delle pareti affrescate della navata destra della chiesa e favorire la piena lettura visiva del più ampio ciclo pittorico del XVI secolo della nota bottega de' Bosis, il progetto si inserisce in un percorso di recupero e valorizzazione della chiesa che perdura ormai da molti anni, coinvolgendo istituzioni locali, libere associazioni, volontari e finanziatori. Prendersi cura di un'opera così importante anche per storici, studiosi, appassionati e turisti contribuisce a riaccendere nell'intera comunità il desiderio di conoscere meglio ciò che ci hanno lasciato le generazioni precedenti per poterlo tramandare intatto a quelle future".

 

Informazioni e contatti

Sito web: www.ecomuseo.cossato.bi.it

Per informazioni:
Ufficio Cultura Comune di Cossato: 015 9893505