Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Arte+ 2020  >  I progetti sostenuti  >  Cappella della Madonna del Rosario nella chiesa parrocchiale di Pettinengo
 

Contributo Fondazione: € 15.000

Ente: Parrocchia Santi Stefano e Giacomo, Pettinengo

Bene: Cappella della Madonna del Rosario - chiesa parrocchiale

Progetto: Intervento di restauro

Tipologia: Bene architettonico

Descrizione del progetto

La chiesa parrocchiale dei Santi Stefano e Giacomo di Pettinengo è il risultato del rifacimento seicentesco dell'antica chiesa, di cui si possiedono alcune interessanti descrizioni trascritte nelle Visite Pastorali della seconda metà del XVI secolo e di quello successivo.
Il progetto prevede il restauro della cappella della Madonna del Rosario, con i dipinti murali di evidente virtuosismo barocco, realizzati da Bernardino Galliari di Andorno nella seconda metà del Settecento e l'altare ligneo che i fratelli Pietro Giuseppe e Carlo Francesco Aureggio Termine eseguirono a inizio secolo insieme all'indoratore Giovanni Battista De Fabianis e nel quale è attualmente compresa la seicentesca statua di legno policromo della Madonna con Bambino dello scultore Gio' Antonio Termine.
Sia i dipinti murali che la struttura altaristica, entrambi di indubbia importanza storico-artistica per il territorio biellese, versano in cattivo stato di conservazione e sono bisognosi di un intervento di restauro mirato alla salvaguardia, al recupero e alla loro valorizzazione.
Il progetto di restauro si pone tra le priorità future delle attività culturali della parrocchia. La principale motivazione è quella di aspirare a creare un ambiente ben conservato che esalti la bellezza di opere di importante valore storico-artistico.

 
 

Dichiarazione referente

Dichiara Don Ferdinando Gallu, parroco:
"L'identità di una comunità quale una parrocchia o un paese trova nella sua storia e nelle sue testimonianze documentarie e monumentali l'humus in cui affondare le radici e garantire nutrimento allo sviluppo. I
l restauro della cappella della Madonna del Rosario ha l'importante compito di preservare una memoria storica, artistica, culturale e religiosa presente nella nostra parrocchia attraverso la conservazione e la valorizzazione di due importanti opere d'arte e di fede che appartengono al ricco patrimonio artistico del Biellese.
Questi capolavori, risalenti al Settecento, mettono in luce il cuore generoso dei pettinenghesi, che nelle precedenti e seguenti vicende della chiesa vollero sempre scegliere i migliori artisti: gli Zuccari per la pala della chiesa precedente (distrutta), gli Aureggio per l'altare, il pulpito (ritenuto il capolavoro della famiglia) e il grande armadio della sacrestia, il Gaidano per i dipinti della cupola ottocentesca e per l'attuale pala d'altare, l'architetto Nicola Mosso e il pittore Dalle Ceste per la cappella del Sacro Cuore.
Nel contempo è importante considerare che le opere della cappella del Rosario collegano Pettinengo sia con il resto del Biellese, attraverso l'altare degli Aureggio, intagliatori nativi di Biella, sia con territori più lontani attraverso l'operato della famiglia Galliari, poiché Bernardino nacque ad Andorno, ma i Galliari lavorarono a Milano e nei teatri di molte capitali europee in cui espressero il loro apprezzato e ricercato genio.
Nell'attuale momento storico in cui Pettinengo si presenta ai viaggiatori come "balcone del Biellese" si nota come l'interesse per le manifestazioni dell'arte di provincia, ma non provinciale, stia crescendo. Sono apprezzati, certo, il paesaggio e la natura, ma non si disdegna ciò che l'uomo ha inserito di bello in essi.
Reputo che non solo per la protezione istituita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali sia doveroso l'intervento di questa iniziativa di restauro, promossa dalla Fondazione, ma anche per costituire un'offerta di bellezza e di cultura per la comunità e per coloro che vogliano conoscere la nostra terra biellese".  

 

Informazioni e contatti

Don Ferdinando Gallu (parroco): parrocchia.pettinengo@gmail.com