Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Arte+ 2020  >  I progetti sostenuti  >  Chiesa di San Teonesto di Masserano
 

Contributo Fondazione: € 30.000

Ente: Associazione Culturale Don Vittorino Barale

Bene: Chiesa di San Teonesto di Masserano

Progetto: Intervento di restauro

Tipologia: Bene architettonico

Descrizione del progetto

L'Associazione Culturale Don Vittorino Barale è nata nel 2016 con lo scopo di promuovere e rendere fruibile il patrimonio artistico di Masserano; a tale scopo ha istituito il Polo Museale Masseranese, che si sta attivando per rendere noto a livello turistico il territorio masseranese.
In questo contesto si inserisce l'intervento di restauro della chiesa di San Teonesto, che è stato affrontato nel suo insieme, con l'obiettivo di fornire un quadro completo di riqualificazione artistica e funzionale del manufatto, suddividendo gli interventi in lotti successivi, partendo dalla conservazione della facciata e dalla riqualificazione del sagrato, come primo e più tangibile tassello di un processo di restituzione di questo bene, da tempo abbandonato, alla comunità locale.
La chiesa di San Teonesto fu la prima chiesa parrocchiale di Masserano, mentre oggi è il terzo sito del Polo Museale Masseranese. Di origini molto antiche (fu costruita tra il 998 e il 1026), è situata al di fuori del borgo sopra un poggio isolato. Edificata in stile romanico, presenta una facciata a capanna contraddistinta da due contrafforti con al centro il portale, decorato da formelle in terracotta e sovrastato da un affresco raffigurante san Francesco che abbraccia i simboli della Passione (Arma Cristi). L'interno è imponente, con volte a crociera a tutto sesto, e impreziosito dagli altari delle cappelle laterali in stucco, le cui statue sono oggi conservate presso il Palazzo dei Principi.
Attualmente non più utilizzata come chiesa, fino al XIX secolo fu la chiesa di un convento di frati, giunti a Masserano nel 1592 per volere della marchesa Claudia, moglie di Besso Ferrero Fieschi. In seguito alla soppressione degli ordini religiosi voluta da Napoleone, i frati furono costretti a lasciare il convento, che, dopo un periodo di abbandono, fu acquistato dal Comune e adibito a edificio scolastico, funzione che conserva tuttora. In San Teonesto barocco e romanico si mescolano creando un sito artistico unico per la storia dell'arte piemontese.
La chiesa, non più fruita, attualmente versa in condizioni di degrado avanzato.

 
 

Dichiarazione referente

Dichiara Stefano Cavaliere, Direttore del Polo Museale Masseranese:
"Parallelamente all'intervento di conservazione sarà intrapreso un programma biennale di azioni mirate a incrementare la fruizione del bene e trasformarlo in un presidio per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico dell'intero sistema museale masseranese. Tra questi, uno spettacolo di son et lumière sul sagrato, con il coinvolgimento del gruppo bandistico locale: una suggestiva narrazione per immagini rivelerà al pubblico gli affreschi e i dettagli decorativi interni della chiesa, proiettati sulla superficie di facciata accompagnati dalla musica. Si prevede inoltre uno spettacolo teatrale itinerante per le vie del Borgo Antico con partenza da San Teonesto. Il manufatto si trasformerà in futuro in un museo/laboratorio, aula per concerti e sede di attività didattiche, collegata al complesso scolastico masseranese".

 

Informazioni e contatti

Sito web: www.polomusealemasseranese.it 

Per informazioni e visite:
associazionedonbarale@gmail.com | 345 5126696