Bandi

Home > Attività erogativa  >  Modalità di intervento  >  Bandi  >  Arte+ 2020  >  I progetti sostenuti  >  Oratorio di Santa Maria delle Grazie di Netro
 

Contributo Fondazione: € 10.000

Ente: Parrocchia di Santa Maria Assunta, Netro

Bene: Stucchi e dipinti murali interni dell'oratorio di Santa Maria delle Grazie

Progetto: Intervento di restauro

Tipologia: Bene architettonico

Descrizione del progetto

Le origini dell'oratorio di Santa Maria delle Grazie di fraz. Bondasco (Netro) risalgono al XV secolo. Nel 1630, durante il dilagare della peste, la popolazione ricostruì completamente l'edificio nelle ampie forme attuali. Risulta caratterizzato al suo interno da un consistente e interessante apparato decorativo in stucco, nonché da alcuni dipinti murali che lo identificano da sempre come un piccolo santuario legato alla devozione mariana.
Lo stato di conservazione necessita di un intervento puntuale di restauro che restituisca una lettura filologica e coerente dell'insieme architettonico e decorativo. L'intervento è stato suddiviso in tre lotti; il primo, oggetto del contributo, è il più consistente ed è relativo alle superfici decorate delle volte e delle pareti del presbiterio. 
Attualmente, a causa del precario stato di conservazione dell'apparato decorativo interno, l'oratorio viene aperto solo per alcune funzioni legate alla devozione mariana. L'iniziativa permetterà invece di inserire la chiesa in un circuito turistico culturale di ampio respiro e di organizzarvi eventi quali concerti, conferenze o mostre. Si prevede, in particolare, di organizzare una giornata di apertura al pubblico in cui la parrocchia, insieme alla direzione dei lavori e alle maestranze della ditta restauratrice, potrà presentare il restauro.

 
 

Dichiarazione referente

Dichiara Don Luigi Pedrazzo, parroco:
"L'intervento di restauro degli stucchi e dei dipinti seicenteschi dell'oratorio risulta di particolare importanza per la nostra comunità, soprattutto in questo momento storico caratterizzato dalla diffusione della pandemia da COVID-19 in tutto il mondo. L'oratorio infatti era stato costruito dalla popolazione come voto alla Madonna per ottenere la grazia e la liberazione dalle terribili pestilenze che nel Seicento dilagavano in tutta Europa. L'edificio divenne in breve tempo un piccolo santuario mariano pieno di ex voto e di grande richiamo devozionale".

 

Informazioni e contatti

Don Luigi Pedrazzo (parroco): 015 65139