Home > News & Eventi  >  News  >  2021  >  Pandemie, l'effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi
.
 
 

Pandemie, l'effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi. Tutelare la salute degli uomini conservando la biodiversitÓ
Incontro con Marco Galaverni, responsabile Specie e Habitat del WWF Italia
A cura di WWF Oasi e Aree Protette Piemontesi e Giardino Botanico di Oropa

Martedý 23 febbraio, h 18.00 - Evento online

Diretta Facebook sulle pagine di Selvatica - Arte e Natura in Festival, Giardino Botanico di Oropa-Biella e WWF YOUng Italy

Dottore di ricerca in BiodiversitÓ ed Evoluzione all'UniversitÓ di Bologna, Galaverni ha al suo attivo decine di articoli scientifici per riviste internazionali. ╚ stato collaboratore di ricerca dell'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Da sempre appassionato di divulgazione, Ŕ ospite regolare di diverse trasmissioni televisive, tra le quali Geo (RAI 3).

Molte delle cosiddette malattie emergenti - come Ebola, AIDS, SARS, influenza aviaria, influenza suina e oggi il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2 definito in precedenza come CoVID-19) non sono eventi catastrofi casuali, ma la conseguenza del nostro impatto sugli ecosistemi naturali. L'uomo con le proprie attivitÓ ha alterato in maniera significativa i tre quarti delle terre emerse e i due terzi degli oceani, modificando a tal punto il Pianeta da determinare la nascita di una nuova epoca denominata secondo alcuni "Antropocene". Molte pandemie degli ultimi decenni hanno origine nei mercati di metropoli asiatiche o africane dove si riscontra il commercio illegale o incontrollato di animali selvatici vivi, di scimmie, di pipistrelli, di carne di serpente, scaglie di pangolini e tanti altri rettili, mammiferi e uccelli. Si creano in questo modo pericolose opportunitÓ per il contatto tra l'uomo e le malattie di questi organismi, offrendo il fianco allo sviluppo di vecchie e nuove zoonosi, ovvero di malattie infettive che possono essere trasmesse dagli animali all'uomo. In questa occasione cercheremo di illustrare quali sono i collegamenti, in larga parte ancora poco noti, tra le nostre azioni sugli ecosistemi e la biodiversitÓ e le conseguenze che queste hanno sulla diffusione di alcune malattie e quindi sulla salute pubblica, fino alle condizioni socio-economiche delle nostre societÓ. In questa prospettiva l'attuale pandemia di coronavirus SARS-CoV-2 che sta mettendo in seria crisi il mondo, offre lo spunto per un approfondimento del rapporto uomo e natura sempre pi¨ globalizzato.

Per informazioni: 
Spazio Cultura, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Via Garibaldi 14 - 13900 Biella - +39 015 0991868
info@selvaticafestival.net - didattica@selvaticafestival.net - www.selvaticafestival.net