Home > News & Eventi  >  News  >  2022  >  Plaç. Le storie del Piazzo

Plaç. Le storie del Piazzo

 
 

Sabato 21 maggio 2022 è stato inaugurato ufficialmente un nuovo allestimento multimediale Palazzo Gromo Losa, dedicato al borgo storico del Piazzo, in stretto dialogo con un'installazione analoga presentata lo stesso giorno al Ricetto di Candelo. Si tratta di allestimenti tecnologici di grande impatto che accolgono i visitatori, che prendono per mano e accompagnano il turista nella storia e nelle curiosità dei due siti, creando un collegamento forte e segnando un passo importante per il turismo nel Biellese: la volontà di superare l'esperienza dalla semplice passeggiata tra le bellezze del territorio per arrivare a un percorso condiviso di scoperta, di gioco, di conoscenza.

 
 

Il progetto nasce dal piano di valorizzazione "Ready to Jump" lanciato dall'Amministrazione di Candelo come sfida alla pandemia, per puntare non soltanto al "ritorno alla normalità" ma alla crescita e allo sviluppo: come previsto dal piano, è stato così realizzato l'allestimento dentro le mura del borgo medievale, primo passo decisivo per il "salto" di qualità, per mostrare la direzione intrapresa. Obiettivo raggiunto, visto il riscontro entusiasta nei primi mesi di test, da parte sia dei visitatori sia degli attori turistici locali e delle istituzioni. Tanto è vero che la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, che ha sostenuto l'installazione candelese con un contributo specifico, ha considerato l'esperienza al Ricetto come un efficace modello replicabile.

È nata così l'idea di utilizzare la tecnologia della narrazione immersiva per realizzare una "porta di accesso al Piazzo" a Palazzo Gromo Losa, un progetto voluto dalla Fondazione in occasione del proprio trentennale e affidato alla sua strumentale Palazzo Gromo Losa srl che lo ha realizzato anche grazie al prezioso sostegno del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti.  

L'inaugurazione condivisa dei due allestimenti è un messaggio chiaro: si tratta di una collaborazione non solo a livello di obiettivi, ma anche di metodo, di tecnologie e di strumenti a favore di tutto il territorio. Candelo e Biella insieme, quindi, per un turismo che sa cogliere e rispondere ai nuovi bisogni e alle aspettative della società di oggi, a un crescente desiderio di bellezza che diventa un'esigenza da raggiungere immergendosi nella cultura, nell'arte, nella storia, nella natura.

La partnership tra il Comune di Candelo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella contribuisce così a realizzare le basi di un nuovo grande sistema aperto a tutto il Biellese, per un territorio che si racconta in modo integrato e collegato, per far sentire il visitatore sempre di più parte di una rete territoriale accogliente, moderna e interconnessa.

 
 
 

A entrambe le postazioni multimediali ha lavorato auroraMeccanica di Torino, un'azienda giovane che si è innamorata del territorio e ha fatto in modo che la collaborazione potesse essere percepibile anche dal punto di vista tecnico e tecnologico: infatti, in entrambi i casi il turista si trova davanti a piccoli spettacoli interattivi creati dall'interazione tra oggetti e luce, tra proiezioni e audio, un primo passo dunque di un percorso turistico integrato con una narrazione comune.

Le due installazioni sono state inaugurate in occasione di Candelo in Fiore e di Selvatica - Arte e Natura in Festival.  

L'installazione di Palazzo Gromo Losa, chiamata Plaç. Le storie del Piazzo sarà visitabile contestualmente alle mostre in programma e agli orari di apertura del giardino.
Fino al 26 giugno: sabato, domenica e festivi 10.00-19.00 (visita compresa nel biglietto di Selvatica oppure solo giardino + installazione € 2,50).
Da luglio: tutte le domeniche 14.30-18.30 nell'ambito della Rete Museale Biellese (giardino + installazione € 2,50).
Da luglio l'installazione sarà visitabile anche negli orari delle mostre estive (ancora in via di definizione).  
  
Per quanto riguarda il Ricetto di Candelo l'allestimento è disponibile al momento come parte integrante delle visite guidate su prenotazione e, una volta realizzati gli altri step del progetto, sarà la prima tappa del percorso di visita del borgo con biglietto di ingresso.